Abbiamo concluso Vinitaly con una bella notizia ottenendo la menzione del Malanotte DOCG 2013 alla guida internazionale 5Star Wines

La 51esima edizione di Vinitaly si è conclusa con successo. L’interesse e la ricerca di vino biologico è in continuo aumento e la fiera Veronese di quest’anno ne è sicuramente stata una dimostrazione: attenzione all’ambiente, sostenibilità in agricoltura, produzione di prodotti incontaminati, salute del consumatore. Aspetti questi a cui prestiamo attenzione ormai dagli anni ’80, quando Settimo, decide di convertire l’intera azienda del padre in produzione biologica con il divieto assoluto di sostanze chimiche nei suoi vigneti.


“Il successo di Vinitaly si riscontra quando incontri nuovi mercati, nuovi buyer internazionali che richiedono solo vino biologico e che quest’anno rappresentano per noi i paesi dell’est Europa. Siamo invece sempre soddisfatti del consolidamento del mercato tedesco, inglese e americano” – commenta Settimo Pizzolato.
Grande successo per “Il Barbarossa” 2013 Malanotte del Piave DOCG che quest’anno ottiene un punteggio
di 90/100
, riscuotendo così la menzione per la guida internazionale 5StarWines di Vinitaly. Il Malanotte è un vino che nasce dal vitigno autoctono di Raboso, un’uva molto profumata e corposa, l’ultima ad essere raccolta nei vigneti Pizzolato. “Il Barbarossa”, che ha un 30% di uve appassite su cassette di legno, trascorre 1 anno in botti di rovere e 8 mesi in barrique per poi concludere l’affinamento in bottiglia ed essere versato nei calici degli appassionati dopo almeno 3 anni dalla vendemmia. Un vino dal colore rosso rubino intenso, che rispecchia da sempre la grande passione che Settimo e il suo staff dedicano alla produzione di vini biologici e autoctoni.